È arrivata la nuova App Alleanza!

L’App Alleanza, il modo più semplice e veloce per consultare e gestire le tue polizze! Scopri di più

Scarica l'app Scarica l'app

Il 25 novembre si celebra la Giornata Mondiale per l’eliminazione della violenza contro le donne, indetta dall’ONU per constatare l’evidenza che la violenza contro il genere femminile sia una forma violazione dei diritti umani.

 

A ciò si associa il tema della parità di genere, riconosciuti di primaria importanza a livello internazionale tanto da essere inclusi nel 5 obiettivo dei Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite, dal titolo “Achieve gender equality and empower all women and girls”. Sul sito dedicato si legge:

 

 “L'uguaglianza di genere non è solo un diritto umano fondamentale, ma una base necessaria per un mondo pacifico, prospero e sostenibile. Ci sono stati progressi negli ultimi decenni, ma il mondo non è sulla buona strada per raggiungere la parità di genere entro il 2030”.

 

Prospettive poco rassicuranti, che evidenziano la necessità di un contributo attivo da parte delle aziende e delle istituzioni. In questo senso, la parità di genere si declina anche in equità di trattamento nel luogo di lavoro e nelle possibilità economiche e finanziarie.

L’uguaglianza di genere nel mondo del lavoro e nelle conoscenze finanziarie

Secondo i dati delle Nazioni Unite, le conseguenze sociali ed economiche della crisi pandemica hanno reso ancora più lunga la strada verso il raggiungimento della parità di genere.

 

Si sono riscontrati infatti dei forti rallentamenti in alcuni ambiti specifici, tra cui il processo decisionale relativo alla gestione del budget famigliare. Ulteriormente, nonostante le donne abbiano avuto un ruolo chiave nella gestione della crisi pandemica, vi è tuttora un forte gender gap nelle posizioni apicali aziendali, ancora ricoperte principalmente da uomini.

 

Anche i dati della prima edizione dell’Edufin Index dimostrano come le donne siano una categoria considerata fragile a livello economico e finanziario.

 

Secondo le analisi, gli uomini risultano in media più preparati delle donne sui temi finanziari e assicurativi. Il genere femminile, inoltre, registra una minore presenza nel mondo degli investimenti. Così, le donne ottengono un valore basso nell’Awareness Index, il sottoindice che analizza la conoscenza in materia.

 

Al contrario, il genere femminile dimostra comportamenti e attitudini migliori della controparte maschile, migliorando il proprio punteggio nell’indice comportamentale – Behavioural Index.

 

Altra evidenza degna di nota riguarda l’attitudine femminile a informarsi facendo riferimento agli esperti: le donne prediligono la relazione con un intermediario di fiducia a cui si affidano nel momento in cui devono prendere delle decisioni.

 

Il ruolo del consulente finanziario e assicurativo sembra quindi essere chiave per riuscire a incentivare la parità di genere, a livello economico e sociale.

 

Qual è il ruolo di Alleanza Assicurazioni in questo contesto? Quali sono le iniziative intraprese a favore delle donne? Continua a leggere per saperne di più.

Le iniziative di Alleanza per favorire l’educazione finanziaria femminile

Già nel 2021, Alleanza Assicurazioni ha stretto una collaborazione con Global Thinking Foundation: un progetto internazionale che mira alla diffusione dell’educazione finanziaria.

 

Facendo leva sulla prevenzione della violenza economica e dell'abuso economico e finanziario, offre un aiuto concreto alle famiglie e alle donne favorendo le loro competenze in materia.

 

Grazie a questa collaborazione, durante il mese dell’educazione finanziaria 2021 abbiamo organizzato tre Masterclass dal titolo “Investment day – La pianificazione è donna” per aiutare le donne a sviluppare maggiore conoscenza e a prendere confidenza con semplici operazioni finanziarie.

 

Altra iniziativa promossa a favore della parità di genere è “Mamma è un verbo al futuro”. Noi di Alleanza abbiamo voluto porci al fianco di tutte le donne e di tutte le mamme che desiderano un futuro a prova di imprevisti. Abbiamo quindi dato vita a questa campagna con l’obiettivo di sensibilizzare sui temi di protezione della famiglia, favorendo scelte consapevoli.

Il nostro supporto al genere femminile si declina anche nella volontà di creare un ambiente di lavoro che sappia essere equo e inclusivo. Nel prossimo paragrafo parleremo della gender equality in Alleanza Assicurazioni, continua a leggere!

L’obiettivo di gender equality in Alleanza Assicurazioni

In Alleanza Assicurazioni cerchiamo concretamente di creare un ambiente di lavoro che si fondi sui valori della D&I aziendale, evitando il mero pink washing. Il nostro scopo è permettere a ognuno di esprimere liberamente le proprie abilità e inclinazioni.

 

Proprio per questo, negli ultimi anni ci siamo concentrati sulla diversità di genere, garantendo parità nelle assunzioni. Infatti, la nostra rete di consulenti si compone al 50% di donne e al 50% di uomini, dati che dimostrano il nostro impegno verso dell’inclusione.

 

Ma non solo: vogliamo diffondere una cultura aziendale che promuova gli sviluppi di carriera delle donne. Nel farlo, incoraggiamo l’empowerment femminile attraverso percorsi di mentorship, in collaborazione con Valore D, che mirano ad aiutare le donne nel processo di raggiungimento delle posizioni più elevate in azienda e nel perfezionamento del proprio ruolo.