È arrivata la nuova App Alleanza!

L’App Alleanza, il modo più semplice e veloce per consultare e gestire le tue polizze! Scopri di più

Scarica l'app Scarica l'app
Con la nuova Legge di Bilancio entrata in vigore lo scorso primo gennaio, si concretizza l’aumento delle pensioni minime, al fine di contrastare l’inflazione registrata e quella attesa per il 2023 e il 2024. Si tratta infatti di un aumento del tutto eccezionale che avrà validità soltanto per due anni, salvo proroghe. Ma chi ha diritto alla pensione minima? E quali sono i requisiti per ottenerla? Cerchiamo di capirne di più in questo articolo.
Indice

I requisiti per la pensione minima

Introdotta con la legge n. 638 dell’11 novembre 1983, la pensione minima riguarda tutti i trattamenti previdenziali, anche le pensioni anticipate, le reversibilità e le pensioni ai superstiti, nel caso in cui gli importi erogati non raggiungono i valori minimi previsti dalla legge. Sono escluse invece le pensioni calcolate interamente con il sistema contributivo (con l’eccezione di Opzione donna).

 

Con il comma 310 dell’articolo 1 della legge n. 197 del 29 dicembre 2022 si formalizza quanto promesso dal nuovo Governo circa l’aumento delle pensioni minime. In via del tutto eccezionale e transitoria (salvo proroghe), gli importi pensionistici e assistenziali che non superano il minimo ricevono un aumento dell’1,5% per tutto il 2023 (per le persone di età pari o superiore ai 75 anni l’aumento è del 6,4%) e del 2,7% per il 2024.

A chi spetta la pensione minima

Parliamo dunque di un’integrazione riservata a tutte le persone che ricevono degli importi pensionistici mensili inferiori rispetto ai limiti fissati per legge, a prescindere dall’anzianità contributiva.

 

L’integrazione che viene concessa per raggiungere il minimo stabilito dalla legge varia a seconda del reddito personale o coniugale del pensionato. Se il reddito personale supera il doppio del trattamento minimo annuo o se quello coniugale è quattro volte maggiore al limite minimo annuo non verrà aggiunta alcuna integrazione.

 

Per determinare il valore della pensione minima bisogna sottrarre al limite annuo fissato dalla legge il reddito personale o coniugale del pensionato, dividere il risultato per 13 mensilità e sommarlo alla pensione già percepita.

 

Per determinare il valore del reddito personale o coniugale del pensionato, vanno presi in considerazione tutti i redditi utili ai fini IRPEF, tranne:

  • I redditi dell’abitazione in cui si vive.
  • Le pensioni integrabili al minimo.
  • Arretrati soggetti a tassazione separata come TFR e arretrati da lavoro riferiti ad anni precedenti.
  • I redditi esenti da IRPEF (pensioni di guerra, rendite INAIL e pensioni di invalidità civile).

 

Chi non ha mai versato contributi e non può ricevere la pensione (neanche quella minima) può richiedere l’assegno sociale, una prestazione dedicata ai cittadini italiani e stranieri di età pari o superiore a 67 anni.

 

Pensione minima per le casalinghe

Anche le casalinghe possono versare dei contributi per ricevere la propria pensione. Esiste infatti il Fondo Casalinghe e Casalinghi, istituito nel 1997 e rivolto alle persone che svolgono dei lavori domestici non retribuiti e derivanti da responsabilità familiari. Per richiedere la pensione è necessario avere almeno 57 anni di età e 5 anni di contributi. Per la domanda di iscrizione (che può essere inoltrata sia dalle donne che dagli uomini) basta avere un’età compresa tra i 16 e i 65 anni. Il versamento può essere effettuato con importo libero, ma la quota minima per maturare un mese di contributi è di 25,82€.

 

L’iscrizione al Fondo Casalinghe e Casalinghi è possibile qualora il richiedente:

  • Non sia un dipendente o un lavoratore autonomo iscritto a un altro ente o a una cassa previdenziale, o un lavoratore part time in grado di maturare una pensione minima.
  • Non sia titolare di una pensione diretta.

 

La domanda per la pensione minima per le casalinghe si effettua online sul sito dell’Inps ed è accolta automaticamente. L’iscrizione al Fondo è attiva dal primo giorno in cui si presenta la domanda e rimane valida anche se non si fanno versamenti.

 

È bene specificare che per poter richiedere il Fondo Casalinghe e Casalinghi è obbligatorio iscriversi all’INAIL.

Pensione minima senza contributi

Per chi si trova in condizioni economiche piuttosto difficili, è prevista una prestazione economica che dal primo gennaio del 1996 ha sostituito la pensione sociale. Si tratta dell’assegno sociale, dedicato ai cittadini italiani e stranieri che non hanno versato contributi all’Inps e con redditi inferiori rispetto alle soglie previste ogni anno dalla legge.

 

L’assegno sociale è rivolto:

  • Ai cittadini italiani.
  • Ai cittadini comunitari iscritti all'anagrafe del comune di residenza.
  • Ai cittadini extracomunitari familiari di un cittadino comunitario.
  • Ai cittadini extracomunitari con permesso di soggiorno UE di lungo periodo.
  • Ai cittadini stranieri o apolidi titolari dello status di rifugiato politico o di protezione sussidiaria.

 

Per richiedere l’assegno sociale 2023 è necessario avere i seguenti requisiti:

  • 67 anni d’età.
  • Stato di bisogno economico.
  • Cittadinanza italiana e situazioni equiparate.
  • Residenza effettiva in Italia.
  • Requisito dei 10 anni di soggiorno legale e continuativo in Italia.

I cittadini comunitari devono inoltre essere iscritti all'anagrafe del comune di residenza, mentre i cittadini extracomunitari devono essere titolari del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo.

Pensione di cittadinanza

La pensione di cittadinanza è la versione del reddito di cittadinanza dedicata a chi ha compiuto 67 anni di età e non possiede un ISEE (relativo al nucleo familiare) superiore alle soglie stabilite ogni anno dalla legge. L’importo della pensione di cittadinanza può arrivare a un massimo di 780€ al mese a persona.

 

Per il 2023 la revisione realizzata dalla Manovra di Governo ha mantenuto i requisiti per questa tipologia di pensione, definendo però la sua scadenza al 31 dicembre 2023, dal momento che nel prossimo anno è prevista l’abolizione del reddito di cittadinanza (e, di conseguenza, anche di questo strumento pensionistico).

Assegno ordinario di invalidità

Per le persone con capacità lavorativa ridotta è previsto un assegno ordinario di invalidità, una prestazione economica erogata a domanda ai lavoratori dipendenti, autonomi o iscritti alla gestione separata. Questo assegno decorre dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda ed è in favore di chi ha una capacità lavorativa ridotta a meno di un terzo a causa di un’infermità fisica o mentale, che abbia maturato 5 anni di contribuzione e assicurazione (di cui 3 anni nel quinquennio precedente la data di presentazione della domanda).

 

L’assegno ha una validità triennale, può essere rinnovato su richiesta dei soggetti interessati e il suo importo viene determinato ogni anno sulla base dell’indice dei prezzi al consumo.

 

Scopri tutto sulla previdenza complementare offerta da Alleanza e contattaci per saperne di più.